Il Blog di Peppe Totaro
23Feb/11Off

Una statua di Robocop a Detroit

RoboCop Movie Poster - RoboCop ArchiveCorreva l'anno 1989 quando per la prima volta vidi il film "Robocop: il futuro della legge". La mia giovanissima età mal si conciliava con alcune scene non proprio indicate per un bambino e non era sufficiente a comprendere appieno la satira e il cinismo quasi esasperati del film. Probabilmente nove anni non erano abbastanza per contemplare tutti questi aspetti; ciò nonostante, già dalla prima visione mi innamorai del mondo di Robocop, tanto da vederlo in lingua originale e rivederlo svariate volte.

Col passare degli anni, il futuro distopico in cui è ambientato Robocop sembra sempre più attuale, attribuendo così, nonostante l'amarezza per ciò che significa, ulteriori meriti al regista. Chi non conoscesse la storia e i dettagli del film può leggere le descrizioni su Wikipedia sia in italiano che in inglese.

Non nascondo che ho desiderato fin dall'inizio un Robocop che sorvegliasse le nostre strade, più per il desiderio di veder concretizzato un "supereroe" della fantascienza che per la reale necessità di usufruire delle sue straordinarie doti. Un pensiero simile lo avranno fatto gli abitanti di Detroit, realmente flagellati dalla criminalità, che vedranno Robocop materializzarsi nella propria città, grazie all'interessamento di un gruppo che ha raccolto ad oggi oltre 60.000 dollari per la costruzione di una statua del cyborg poliziotto (ne parla anche Punto Informatico qui).

Come avvenne a Philadelphia con la statua di Rocky (trovate una vista a 360 gradi cliccando qui), anche Detroit vedrà un mito della cinematografia concretizzarsi e diventare definitivamente un'icona della città, racchiudendo in sè (concedetemi la tautologia) ideali positivi e soprattutto il forte desiderio di giustizia della comunità. Può bastare una statua per avere/fare giustizia? Certamente no e questo i cittadini di Detroit (e non solo) lo sanno benissimo; tuttavia, la gente avverte spesso il bisogno di identificarsi in un simbolo, ovvero qualcosa che possa rappresentare i valori fondamentali di una società civile, e se una statua può dare un piccolo contributo a far riemergere sentimenti positivi, perché non farlo!

Sicuramente, si dovrà andare avanti e occorrerà fare di più per risolvere i problemi che angustiano la popolazione di Detroit. Chissà se la "presenza" di Robocop potrà costituire un piccolo passo verso una società migliore grazie agli sforzi dei cittadini che si muoveranno sotto l'egida del paladino della giustizia "parte uomo, parte macchina, tutto poliziotto". Non rimane che attendere.

Se volete gustarvi i momenti più significativi del primo film di Robocop, consiglio vivamente di vedere questo video (la pagina comprende anche tutti i dettagli delle offerte per la statua).


Visualizzazione ingrandita della mappa

La "nuova casa" di Robocop dovrebbe sorgere all'interno del Roosevelt Park, di fronte alla Michigan Central Station, nel luogo illustrato dalla mappa sopra riportata. Il condizionale è d'obbligo poiché il gruppo impegnato nella promozione dell'iniziativa ha ricevuto numerose offerte per posizioni alternative nella città di Detroit. L'obiettivo è scegliere l'ubicazione che garantisca la maggiore visibilità possibile alla statua; quindi il gruppo sta considerando attentamente tutte le possibilità al fine di effettuare la scelta migliore.

Trovate ulteriori informazioni, fumetti e altro materiale sul fanta-eroe di Detroit su RoboCop Archive.

Bentornato RoboCop. Giuseppe

   
Translate »