Il Blog di Peppe Totaro
2Gen/14Off

Campioni del 1° Torneo “Luci di Salerno”

Con grande piacere voglio condividere e raccontare una piccola soddisfazione "natalizia". Alla guida dei Giovanissimi della F.C. Jonica (in sostituzione di mister Parisi, impegnato per motivi di lavoro), ho partecipato al 1° Torneo di calcio giovanile "Luci di Salerno" organizzato dal team Tenuta. Il torneo si è svolto dal 27 al 29 dicembre 2013 presso il meraviglioso Centro sportivo polivalente Terzo Tempo di Salerno.

Giovanissimi FC Jonica - Torneo di Salerno

FC Jonica - Campioni del Torneo "Luci di Salerno"

Giocare il torneo con questi splendidi ragazzi è stata un'esperienza entusiasmante, che mi ha permesso di rivivere le intense emozioni di una partita di calcio nelle vesti di allenatore, approfittando della pausa dalle attività di studio e lavoro che mi tengono momentaneamente lontano dai campi di gioco.

L'epilogo vicente del Torneo è stata la ciliegina sulla torta che ha reso ancora più bella la nostra avventura sportiva a Salerno. Abbiamo conseguito la vittoria della manifestazione battendo in Finale, ai calci di rigore, l'ottimo Atletico Agro di Nocera (i tempi regolamentari erano terminati sul punteggio di 1-1).

La Gazzetta Jonica ha pubblicato un articolo che riassume il nostro cammino nel Torneo di Salerno. Tutte le foto del torneo che ci riguardano sono pubblicate nel set fotografico Torneo "Luci di Salerno" del mio account Flickr. Inoltre, un dirigente dell'Atletico Agro ha cortesemente messo a disposizione la sintesi video della finale su YouTube.

Ringrazio per questa magnifica esperienza il presidente Gugliotta, i ragazzi della F.C. Jonica e mister Parisi, a cui vanno i miei più sinceri complimenti per la mentalità vincente che ha saputo trasmettere alla squadra.

31Lug/13Off

Esercitazione tecnica con doppio ruolo

"Movimento, passaggio e smarcamento" è il titolo di una recente serie di articoli tecnici pubblicata da una nota rivista nazionale per allenatori di calcio. Personalmente ritengo che la combinazione di questi "principi" calcistici rappresenti la sintesi delle qualità fondamentali che il giovane calciatore deve assimilare per costruire con i compagni un possesso palla realmente efficace e non fine a se stesso.

Occorre ribadire che la somministrazione di proposte di lavoro mirate non costituisce l'unico ingrediente per insegnare calcio, poiché sono sempre necessari gli input psicologici, una buona condizione fisica e la continuità del lavoro tecnico-tattico. Fatta questa premessa, pubblico una semplice esercitazione che può essere condotta anche con i più giovani. Il titolo della proposta è "Combinazione a tre giocatori con doppio ruolo" (descrizione dopo l'illustrazione).

Combinazione a tre giocatori con doppio ruolo

Combinazione a tre giocatori con doppio ruolo

Descrizione

Combinazione a tre giocatori con doppio ruolo finalizzata alla conclusione in porta. Il giocatore blu D (difensore) trasmette la palla al giocatore rosso A che, prima di ricevere, effettua un breve percorso sugli over . Il giocatore rosso B (primo ruolo) parte in pressione sul giocatore A che effettua un controllo orientato in direzione opposta all’avversario e trasmette la palla al compagno C, il quale effettua un contro-movimento prima di ricevere. Il giocatore A si muove in sovrapposizione, C scarica il pallone a B, che dopo la pressione partecipa al gioco (secondo ruolo) . Il giocatore B passa la palla sul movimento di A che si prepara per il cross. Il giocatore C si propone per ricevere il cross marcato dal difensore D (occorre lavorare anche sui movimenti di smarcamento su cross) . Ripetere l'esercitazione attaccando dal lato opposto. L’esercizio può essere svolto in base ad altre combinazioni di gioco.

15Mag/13Off

Ciao Presidente

Ti vedo dietro quell'obiettivo, pronto a fissare nel tempo i momenti di unione che ci hai regalato, legando indissolubilmente le nostre vite alla tua.
Ricordo i tuoi sorrisi al termine delle partite vinte, i tuoi rimproveri per imparare dagli errori, le tue telefonate serali e il tuo sostegno nelle difficoltà. Gli anni passano inesorabilmente e, per quanti sforzi io faccia, alcuni ricordi si sbiadiscono, ma la tua amicizia e la tua passione per il calcio sono sempre vive e nitide nella mia memoria.
La verità è che mi manca un amico. Ripenso a quando mi hai fotografato con i miei compagni diciassette anni fa e con i miei giocatori alle prime esperienze da allenatore. Vorrei che fossi ancora tra noi per scherzare e rievocare i successi ottenuti sul campo.
Vorrei tutto questo, ma so che non è possibile e allora mi aggrappo a un sogno. Ti immagino ancora dietro l'obiettivo prima di una nuova foto e, mentre una lacrima scende sul mio viso, ti rivolgo lo stesso saluto di sempre... Ciao Presidente.

Giuseppe
15 maggio 2013

Giovanissimi U.S. Roccalumera (Stagione Sportiva 1995-1996)

Giovanissimi U.S. Roccalumera (Stagione Sportiva 1995-1996)

Allievi A.S.D. Roccalumera (Stagione Sportiva 2003-2004)

Allievi A.S.D. Roccalumera (Stagione Sportiva 2003-2004)

 

26Mag/12Off

CUS Parma trionfa nel calcio ai CNU 2012

CUS Parma campioneSi è concluso ieri il torneo di calcio dei Campionati Nazionali Universitari 2012. Il CUS Parma si è imposto 3-0 contro il CUS L'Aquila nella finale andata in scena alle ore 18 allo stadio San Filippo di Messina.

A mio parere ha vinto la selezione con più qualità e il risultato non è per nulla inatteso. Il CUS Parma, infatti, è stato capace di presentare al torneo un gruppo di studenti-calciatori con importanti doti tecniche e fisiche (alcuni militano in campionati semiprofessionistici). In finale, la squadra emiliana ha meritato creando un numero maggiore di palle goal, sfruttando le qualità dei suoi giocatori migliori e gestendo la partita con il possesso palla nei momenti difficili. Nonostante la netta superiorità tecnica del CUS Parma, il CUS L'Aquila ha fatto la sua parte e avrebbe meritato di segnare almeno un gol, ma purtroppo la selezione abruzzese non è stata in grado di concretizzare le occasioni create (in particolare nel primo tempo al termine di un'ottima azione sulla catena di destra che avrebbe portato il risultato sul punteggio di 1-1).

La finale, inoltre, si è svolta all'insegna del fair play, non ci sono stati falli proibiti, eccessi o scorrettezze, nonostante la terna arbitrale abbia evidenziato per l'ennessima volta le lacune degli arbitri messinesi, palesemente in difficoltà e non all'altezza in tutte le partite del torneo.

Al termine della gara, grandi festeggiamenti degli emiliani, ai quali si sono unite le simpatiche ragazze del volley del CUS Parma, giunte allo stadio subito dopo la vittoria del torneo di categoria avvenuta qualche ora prima.

Tutti i risultati della fase finale sono illustrati nella tabella seguente (cliccare sull'immagine per ingrandirla).

Risultati calcio CNU 2012

Risultati fase finale Calcio CNU Messina 2012

In generale, il torneo di calcio è stato caratterizzato da squadre di buon livello tecnico e fisico. Probabilmente, il miglior gioco collettivo è stato espresso dal CUS Cagliari, battuto solo dalla selezione vincitrice del torneo. Lo spirito di aggregazione che si respira in manifestazioni di questo tipo testimonia ulteriormente le enormi potenzialità dello sport universitario, che andrebbe alimentato maggiormente garantendo livelli ancora più alti di programmazione ed organizzazione sia a livello nazionale sia nelle università.

Concludo ringraziando mister De Padova, allenatore del CUS Lecce, e mister Paselli, allenatore del CUS Parma, che ho avuto il piacere di conoscere durante le partite del torneo e mi hanno concesso un po' del loro tempo per uno scambio di vedute sul calcio universitario (e non solo) che spero di raccontare prossimamente.

 

14Ott/11Off

I giovanissimi dell’Atletico Roccalumera

Giovanissimi Atl. Roccalumera 2010/2011Un anno da incorniciare. Così si potrebbe riassumere la stagione sportiva 2010/2011 dei Giovanissimi provinciali dell'Atletico Roccalumera, che ho avuto l'onore di allenare per il secondo anno consecutivo.

La stagione iniziò lunedì 30 agosto 2010 al campo sportivo di Roccalumera. Nonostante il caldo, tutti i ragazzi erano presenti all'appello. Difficile dimenticare i primi giorni di allenamento. Il piacere di ritrovarsi dopo oltre due mesi di riposo, conoscere i nuovi arrivi e lavorare sodo erano le prerogative di quel periodo iniziale. Ricordo ancora tutti gli sforzi e i sacrifici per conciliare allenamenti e lavoro, la fatica nel reperire squadre disposte a giocare partite amichevoli fin dalla prima settimana e tutte quelle attività che spesso chi osserva dall'esterno non comprende, ignorando l'impegno profuso da un gruppo di persone animate unicamente da una grande passione per il calcio.

La squadra partì subito bene, crescendo partita dopo partita, allenamento dopo allenamento, forte di un buon lavoro effettuato durante la preparazione precampionato. La continuità dei risultati e la buona qualità di gioco espressa hanno contribuito ad alimentare la sicurezza di un grande gruppo di ragazzi che hanno terminato il girone C del campionato al primo posto, totalizzando 43 punti in 18 partite, con 83 reti segnate e solo 10 subite (miglior difesa).

Inevitabilmente, non sono mancati i problemi, nonché alcuni infortuni, ma la forza di un collettivo deve esprimersi anche e soprattutto nei momenti di difficoltà, senza dimenticare che solo affrontando con umiltà ed intelligenza determinate situazioni si può crescere, prima come uomini e poi come calciatori.

Purtroppo la nostra meravigliosa stagione ha avuto un epilogo tecnico amaro. Dopo un grande girone di campionato e la vittoria del triangolare di playoff, non siamo riusciti a vincere l'ultima e decisiva partita ovvero la finale del campionato Giovanissimi, svoltasi allo stadio Bacigalupo di Taormina contro un ottimo avversario che non ha rubato nulla sul campo di gioco. Non è stato il lieto fine che tutti ci aspettavamo, almeno per noi ed i nostri sostenitori, ma siamo usciti a testa alta e, consapevoli degli errori finali, non dobbiamo permettere ad una sola partita di rovinare tutto.

Non è facile riassumere ben 9 mesi di avventure sportive, ma i fatti di cui sopra possono rendere l'indea dell'entusiasmo che ha generato, soprattutto nel sottoscritto, la stagione passata. La forza e le qualità del gruppo hanno trovato ulteriore conferma in occasione di un meraviglioso torneo di calcio giovanile a Scalea (Cosenza), al quale abbiamo partecipato grazie al nostro presidente Gugliotta, dove oltre ai risultati tecnici (sfiorata la finale) ci siamo divertiti così tanto (nel servizio realizzato dalla tv calabrese trovate una sorpresa dal minuto 1'18" in poi) che non avremmo voluto prendere la strada del ritorno.

Non dimenticherò mai tutti questi eventi e il legame costruito con i ragazzi, ai quali andranno sempre i miei ringraziamenti e un affetto che probabilmente travalica il classico rapporto tra allenatore e giocatori. Custodirò gelosamente i ricordi legati alla migliore squadra che un allenatore possa avere e sarò sempre presente qualora i miei ragazzi avessero bisogno del mio supporto.

Nel momento in cui scrivo sono allenatore della squadra Allievi regionali (promossi proprio in virtù dei risultati ottenuti con i giovanissimi) e continuo ad allenare gli stessi protagonisti della scorsa stagione. Non abbiamo avuto un inizio di campionato entusiasmante, ma sono sicuro che armati di buona volontà e spirito di sacrificio sapremo toglierci diverse soddisfazioni anche quest'anno.

Spesso, o meglio sempre, rimprovero i miei giocatori perché vorrei più impegno e determinazione, probabilmente nascondendo ai ragazzi i sentimenti che provo nei loro confronti. Forse pretendo troppo da loro, ma il mio desiderio di vederli migliorare e diventare Campioni di vita prima che di calcio è troppo forte e spero che impareranno a capirlo nel più breve tempo possibile, perché hanno il diritto e il dovere di crescere per avere un futuro.

Grazie ragazzi... grazie di cuore.

Giuseppe

Translate »